Il PIANO NAZIONALE CINEMA E IMMAGINI PER LA SCUOLA è promosso dal Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito – Direzione Generale per la progettazione organizzativa, l’innovazione dei processi amministrativi, la comunicazione e i contratti. Le iniziative del Piano sono volte ad introdurre il linguaggio cinematografico e audiovisivo nelle scuole di ogni ordine e grado, come strumento educativo in grado di facilitare l’apprendimento ed essere utilizzato trasversalmente nei percorsi curriculari.

Con l’attuazione della legge 107 del 2015, l’educazione all’immagine è arrivata sui banchi di scuola e il cinema e l’audiovisivo sono entrati a pieno titolo nel Piano dell’offerta formativa delle scuole di ogni ordine e grado, non più e non solo in maniera strumentale, ma in quanto discipline specifiche in grado di contrastare l’analfabetismo iconico, di contribuire alla costruzione di una cultura audiovisiva comune e alla formazione di ambienti di apprendimento per competenze che pongano al centro gli studenti e le loro attuali esigenze culturali e formative, per arrivare alla formazione di un pubblico consapevole, favorire la comprensione critica del presente e capace di dialogare con la rivoluzione digitale in atto.

Successivamente, con la Legge Cinema e Audiovisivo del 14 novembre 2016, n. 220, nasce il Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola con Protocollo d’Intesa sottoscritto dalla Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura e dalla Direzione Generale per la progettazione organizzativa, l’innovazione dei processi amministrativi, la comunicazione e i contratti del Ministero dell’Istruzione e del Merito. Difatti, la Legge Cinema e Audiovisivo, all’articolo 27, accanto alle attività di promozione specifiche per il settore, al comma 1 lettera i) stabilisce anche di: “sostenere, di concerto con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, per un importo complessivo pari ad almeno il 3 per cento della dotazione del Fondo per il cinema e l’audiovisivo, aggiuntivo rispetto al limite previsto, il potenziamento delle competenze nel cinema, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni, nonché l’alfabetizzazione all’arte, alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini”.
La norma pertanto prevede che ogni anno venga destinato a tale scopo il 3% del Fondo nazionale per il cinema e l’audiovisivo, pari almeno a 12 milioni di euro, utilizzati secondo quanto previsto nel Piano di intervento riferito a ciascun anno scolastico, elaborato dalle due Direzioni Generali.

Nello specifico, le azioni del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola sono orientate alla promozione della didattica del linguaggio cinematografico e audiovisivo e all’acquisizione di strumenti e metodi di analisi che favoriscano la conoscenza della grammatica delle immagini e la consapevolezza della natura e della specificità del loro funzionamento.
-> Consulta il Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola per l’a.s. 2022/2023 qui

Il nostro Istituto è risultato vincitore del Bando “il Linguaggio cinematografico e audiovisivo come oggetto e strumento di educazione e formazione” Azione b) “CinemaScuola LAB- infanzia e primaria”: il progetto dal titolo “Wonder” nasce dalla volontà di recuperare l’attenzione e la cura delle emozioni dei bambini attraverso un percorso di dialogo tra il cinema e la realtà, che tocchi vari temi legati alla qualità di ciò che si vede e si ascolta, che educhi al “Bello” declinato nei vari aspetti della vita immaginaria e reale, alla valorizzazione del sé, dell’altro, del territorio che si abita. L’intero percorso avrà come obiettivo il recupero della visione della realtà attraverso gli occhi stupiti dei bambini.
“Wonder” è un percorso formativo per docenti e allievi sull’audiovisivo e la valorizzazione del “Bello” che nasce in risposta all’aumento dei disturbi del comportamento e della socializzazione nei bambini.

Il Progetto coinvolge una rete di Scuole del territorio composta dall’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri” Cavriglia, l’Istituto Comprensivo “Mochi” di Levane, l’Istituto Comprensivo “Magiotti” di Montevarchi e l’Istituto Comprensivo “Masaccio” di San Giovanni Valdarno.